Cerca casa in:
Cerca
0 Risultati

Della Vittoria: dalla RAI a Ponte Milvio, un quartiere simbolo di Roma

Della Vittoria è il quindicesimo quartiere di Roma. Si trova nell’area nord della città, a ridosso delle Mura Aureliane e del fiume Tevere. Confina con il suburbio omonimo, con Tor Di Quinto, Flaminio, Prati e Trionfale. 

Il prezzo medio immobiliare è di 5.117 €/mq.

Immobili in Vendita a Roma Della Vittoria


Caricati 0 di 0
Carica altri

Punti di interesse

Il quartiere ospita Ponte Milvio, insieme ad alcune architetture civili di spicco, come Villa Madama e il Palazzo della Farnesina, e importanti edifici religiosi, tra le quali la Chiesa di San Francesco d’Assisi a Monte Mario e la Basilica del Sacro Cuore di Cristo Re. 

È presente anche una estesa area verde, la Riserva naturale di Monte Mario e alcuni musei, come quello di Fisica e Scienze Naturali del Mamiani, l’Astronomico e Copernicano e, infine, il Museo storico dell’Arma del Genio. 

Trovano spazio teatri, tra cui il Teatro delle Vittorie, di proprietà della RAI e il Foro Italico, di cui fa parte lo Stadio Olimpico. 

Scuole e edifici pubblici

Nell’area sono presenti diverse scuole: tre elementari, tre medie, il Liceo Classico Cornelio Tacito, il Liceo Ginnasio statale Terenzio Mamiani, due Liceo Scientifici, l’Istituto Ferrara e il Liceo Linguistico. Trovano spazio alcuni importanti edifici pubblici, come il Palazzo della Farnesina, il Tribunale di piazzale Clodio, il Palazzo della Rai di viale Mazzini e di via Asiago. Il quartiere ospita inoltre il Centro Rai di via Teulada, l’Edificio delle Poste di viale Mazzini, l’Osservatorio astronomico di Roma e il Palazzo della Corte dei conti.

Trasporti pubblici

Il quartiere è raggiungibile dalle altre aree della capitale tramite la Linea A della Metro (Stazioni Lepanto e Ottaviano). 

Dal quartiere Milvio a oggi

Della Vittoria è uno tra i primi quartieri nati nel 1911. Fino al 1921 il nome utilizzato per indicare la zona era Milvio, il quale fu modificato in quello attuale in seguito alla vittoria della Prima Guerra Mondiale. 

Poiché i terreni dell’area erano di proprietà dello Stato, nel corso del Novecento non si sono registrate speculazioni edilizie che invece hanno interessato altre zone di Roma. Venne infatti introdotto il principio secondo il quale i fabbricati alti fino a 24 metri dovessero essere alternati a villini di due o tre piani. Le prime case del quartiere furono costruite fra via Sabotino e via Monte Nero. I diversi villini del Lungotevevere sono invece caratterizzati da uno stile architettonico molto particolare e originale, ispirato alle influenze rinascimentali e barocche. 

Oggi il quartiere è dinamico e vivace: ospita edifici pubblici di grande rilievo che conferiscono importanza e autorevolezza a una zona ricca di luoghi di interesse e fornita di ogni tipo di servizio.